cervello

Secondo uno studio condotto dalla Dottoressa Dana M. Small, della Yale University di New Haven (USA), il cervello umano risponde neurologicamente e in maniera diversificata in base al tipo di cibo a cui viene sottoposto. Il nostro sistema neurale cioè non si comporta in maniera uguale alla vista di qualsiasi cibo, ma risponde attivamente e in maniera diversa secondo l’alimento che gli viene proposto.

In particolare, gli scienziati hanno esaminato l’attività celebrale di 206 pazienti, impegnati ad osservare fotografie relative a piccoli snack ricchi di zuccheri, di grassi o di entrambi i componenti.

Attraverso la risonanza magnetica, sono state osservate le risposte neuronali di ogni singolo individuo alla vista di un determinato alimento e alla fine dell’esperimento, i pazienti sono stati invitati ad acquistare l’alimento che più aveva suscitato in loro il desiderio di essere consumato.

La maggior parte dei pazienti ha acquistato alimenti ricchi di grassi e zuccheri, rispetto ad alimenti contenti un solo dei due componenti.
Perché?

Il motivo risiede nel fatto che il nostro cervello produce più dopamina (l’ormone della gratificazione) alla presenza di alimenti ricchi di grassi e zucchero, rispetto all’immagine di un alimento che possiede lo stesso valore nutrizionale ma è composto da uno solo dei due componenti.

Il processo biologico che regola l’associazione dei cibi al loro valore nutrizionale si è evoluto in modo da definire in maniera attenta il valore di un singolo alimento. L’uomo quindi in realtà sarebbe in grado di scegliere l’alimento più consono per la sua sopravvivenza (in quanto biologicamente predisposto) ma la combinazione dei due elementi porta il cervello a sovrastimare il valore energetico del cibo, ingannandolo e facendoci fare scelte dannose per la nostra salute.

In realtà, in natura, non esistono alimenti dotati di entrambi i componenti, ad esclusione del latte materno. Ecco perché i bambini sono spinti a nutrirsi per sopravvivere.

Quindi, la prossima volta che non sappiamo quale alimento inserire nella nostra dieta, ricordiamoci di non farci “ingannare” dal nostro cervello e  di sempre scegliere alimenti salutari per il nostro benessere.