L’artrite è un’infiammazione cronica articolare di cui esistono più di 100 tipologie. La rigidità e i dolori articolari sono sintomi che accomunano tutte le forme di questa malattia. Le sedi più colpite sono le mani che lentamente perdono l’abilità di compiere anche i più semplici gesti e azioni quotidiani.

Ecco allora alcuni consigli e accorgimenti che possono contenere gli effetti dell’artrite sulla vita di tutti i giorni soprattutto se associate alla terapia fisica e medica.

Tutto comincia con il movimento: è importante non mantenere sempre la stessa posizione. Alzarsi ogni 15/20 minuti, garantisce il minimo del movimento necessario. E allo stesso tempo è importante evitare posizioni e/o movimenti inopportuni che causano stress alle articolazioni (come per esempio sollevare oggetti troppo pesanti) e “proteggere” il più possibile le articolazioni interessate dall’artrite, per esempio utilizzando altre parti del corpo (spingere una porta con il braccio anziché con la mano riduce lo stress quotidiano di una delle articolazioni più colpite dalla malattia).

Il trucco per “proteggere” le articolazioni può essere anche la scelta di semplificarsi la vita, riducendo al minimo (o addirittura eliminando) le attività che possono essere ritenute superflue e sfruttando la tecnologia (per esempio apriscatole automatici, mixer da cucina elettrici possono aiutare – per esempio – a preparare da mangiare senza affaticare le articolazioni coinvolte dalla malattia). Con la stessa logica, è un bene sistemare gli oggetti di uso frequente in posti comodi da raggiungere e modificare gli arredi (il letto, il divano, le sedie e le poltrone devono avere altezze comode – soprattutto se le articolazioni interessate sono le ginocchia – e anche sistemare uno sgabello nella doccia può essere di grande aiuto, oltre a garantire una maggiore sicurezza).

Infine, un segreto… Che in realtà è l’uovo di Colombo: chiedere aiuto. Non ha senso ostinarsi a sforzare le proprie articolazioni e nel chiedere supporto non ci deve essere vergogna.