La calvizie: gli uomini calvi e ingrigiti prima del tempo potrebbero avere un maggior rischio cardiovascolare.


A suggerire questa associazione è una ricerca presentata all’ultima conferenza annuale della Società di Cardiologia indiana.

I ricercatori, guidati dal dottor Khamal Sharma dell’U.N. Mehta Institute of Cardiology and Research Centre di Ahmedabad (India), hanno esaminato 790 uomini con meno di 40 anni con malattia coronarica e hanno confrontato i dati con quelli di 1270 individui sani. Dopo aver valutato le caratteristiche della loro capigliatura e le condizioni di salute cardiovascolare con un elettrocardiogramma, un eco-cardiogramma, esami del sangue e una corono-grafia, è emerso che metà degli uomini con malattia coronarica aveva i capelli grigi.

Inoltre alla calvizie è stato associato un aumento del rischio di malattia coronarica di 5,6 volte e all’ingrigimento precoce di 5,3 volte.

Queste due caratteristiche “si correlano con l’età vascolare indipendentemente dall’età anagrafica; possono indicare l’età biologica e dovrebbero essere considerati dei fattori di rischio per la malattia coronarica”, conclude il ricercatore.