degenerazione maculare

Un nuovo studio ha dimostrato che i nitrati vegetali, che si trovano principalmente nelle verdure a foglia verde e nella barbabietola rossa, possono aiutare a ridurre il rischio di sviluppare la degenerazione maculare precoce legata all’età (AMD).

I ricercatori del Westmead Institute for Medical Research hanno intervistato oltre 2000 adulti di età superiore a 49 anni e li hanno seguiti per un periodo di 15 anni.

La ricerca ha dimostrato che le persone che assumevano quotidianamente da 100 a 142 mg di nitrati vegetali dal consumo di vegetali, avevano un rischio inferiore del 35% di sviluppare la degenerazione maculare precoce legata all’età.
Il ricercatore a capo della ricerca, Bamini Gopinath, del Westmead Institute e dell’Università di Sydney, ha affermato che il legame tra nitrati vegetali e degenerazione maculare potrebbe avere importanti implicazioni.
“Questa è la prima volta che si misurano gli effetti dei nitrati alimentari sul rischio di degenerazione maculare. Essenzialmente abbiamo scoperto che le persone che mangiavano quotidianamente da 100 a 142 mg di nitrati vegetali avevano un rischio ridotto di sviluppare i primi segni di degenerazione maculare rispetto alle persone che mangiavano verdura a foglia verde. Se i nostri risultati saranno confermati, aggiungere alla dieta verdure a foglia verde e barbabietole ricche di nitrati, potrebbe essere una semplice strategia per ridurre il rischio di degenerazione maculare precoce“, ha detto il Professor Gopinath.

Circa una persona su sette sopra i 50 anni presenta alcuni segni di degenerazione maculare.
L’età è il fattore di rischio noto più forte, non a caso la malattia è più probabile che si verifichi dopo i 50 anni e purtroppo al momento non esiste attualmente una cura per questa condizione.

La ricerca ha raccolto dati dal Blue Mountains Eye Study, uno studio di riferimento basato sulla popolazione che ha avuto inizio nel 1992. È uno dei più grandi studi epidemiologici del mondo, che misura i fattori di dieta e stile di vita contro i risultati di salute e una serie di malattie croniche.
“La nostra ricerca mira a capire perché si verificano le malattie degli occhi, così come le condizioni genetiche e ambientali che possono minacciare la visione”, ha concluso il Professore associato Gopinath.