Perchè invecchiando si ingrassa?

Con l’avanzare dell’età il fisico non è più lo stesso, oltre a rughe e capelli bianchi, è quasi inevitabile anche la comparsa di qualche chilo di troppo. Indipendentemente da quanto si mangia e dall’attività fisica che si fa.

Ma perché invecchiando si fa più fatica a mantenere sotto controllo il proprio peso corporeo? A rispondere a questa domanda sono stati i ricercatori del Karolinska Institutet di Stoccolma, in collaborazione con l’Università di Uppsala e l’Università di Lione, che nel loro studio hanno dimostrato che invecchiando si ingrassa più facilmente a causa di un calo della capacità di immagazzinare e rimuovere i lipidi nel tessuto adiposo.

Gli esperti hanno analizzato le cellule di tessuto adiposo in 54 uomini e donne nell’arco di 13 anni. Indipendentemente dall’eventuale aumento o perdita di peso, nel corso degli anni questi soggetti hanno mostrato un calo del turnover dei lipidi nel tessuto grasso, ovvero il tasso al quale i lipidi vengono rimossi e immagazzinati. I partecipanti che non controbilanciavano questi processi introducendo meno calorie hanno guadagnato in media il 20% del loro peso corporeo. Determinante è quindi l’introito di lipidi nel tessuto adiposo.

Oltre a questo i ricercatori hanno anche esaminato il metabolismo dei lipidi in 41 donne obese che erano state sottoposte a un intervento di chirurgia bariatrica e il modo in cui il tasso di turnover dei lipidi influenzava la tendenza a non prendere peso in un periodo compreso fra quattro e sette anni. Una delle maggiori insidie per i pazienti che subiscono un intervento per la perdita di peso è infatti riacquistare i chili persi nel corso del tempo.
Dai risultati è emerso che solamente coloro che avevano un basso tasso di turnover prima dell’intervento sono riuscite a aumentarlo e, quindi, a mantenere la perdita di peso.

Per risvegliare un turnover lipidico lento, concludono i ricercatori, una delle possibili strategie è quella di praticare più attività fisica, come già dimostrato da studi condotti in precedenza.

L’eccesso di peso è diventato un fenomeno sempre più diffuso in tutto il mondo e riguarda ormai anche i Paesi con minore reddito.

Il sovrappeso ma soprattutto l’obesità sono dei fattori di rischio per la salute, su diversi fronti: per le malattie cardiovascolari, respiratorie, osteo-articolari e anche per alcuni tumori: “L’obesità e le malattie correlate all’obesità sono diventate un problema globale. Non è mai stata più rilevante la comprensione delle dinamiche dei grassi e di ciò che regola le proporzioni della massa grassa”, dice un’altra ricercatrice Kirsty Spalding. Ecco perché è importante capire come il turnover dei lipidi regoli la massa di tessuto adiposo e quindi come si possa sviluppare l’eccesso di peso e come evitare di riacquistarlo.
La maggiore conoscenza di questi fenomeni potrebbe portare a nuovi modi per trattare l’obesità.