Scoperta la causa della perdita muscolare in terza età

Il progressivo indebolimento muscolare negli anziani, quello che rende difficili anche le più semplici attività quotidiane come alzarsi da una sedia o salire e scendere le scale, sarebbe causato dalla perdita dei nervi. E’ il risultato di uno studio, condotto da un gruppo di ricercatori della Manchester Metropolitan University e pubblicato sul Journal of Physiology.

Lo studio ha preso in esame 168 uomini dei quali sono stati esaminati, tramite risonanza magnetica, il tessuto muscolare per registrare l’attività elettrica che passa attraverso i muscoli per stimare il numero e le dimensioni dei nervi sopravvissuti. Dai test è emerso che quando si raggiungono i 75 anni di età, in gran parte del campione, le strutture anatomiche del sistema nervoso che controllano le gambe diminuiscono in media del 30%. Questa diminuzione sarebbe alla base del malfunzionamento: “Con il passare del tempo – ha spiegato Jamie McPhee, autore dello studio – si registra una drammatica perdita di nervi che può arrivare fino al 60% del totale, questo perché i muscoli devono ricevere un segnale adeguato dal sistema nervoso per contrarsi e muoversi in maniera corretta”.

Lo studio ha anche evidenziato che una migliore forma fisica diminuisce il problema. I muscoli dei volontari in forma, infatti, riescono a sviluppare una sorta di “protezione”, la strutture anatomiche del sistema nervoso hanno evidenziato la capacità di inviare nuovi “rami” per salvare il funzionamento dei muscoli.