Chi l’ha detto che durante l’età d’argento non si deve praticare attività fisica? Anzi è tutto il contrario, ovviamente, senza esagerare e scegliendo gli sport e le attività maggiormente indicate se non addirittura raccomandate. Secondo un recente studio condotto dalla University of California di San Francisco, guidato da Thomas Link e presentato nel corso del meeting annuale della Radiological Society of North America, infatti un esercizio costante e leggero addirittura sarebbe in grado di prevenire l’insorgere dell’artrite al ginocchio.

Certo, non tutti gli sport sono indicati, ma alcuni sarebbero addirittura raccomandati. Secondo i risultati di questo studio, le attività ad alto impatto – come, per esempio, la corsa o il tennis – per più di un’ora al giorno, tre volte a settimana, sono associate maggiormente alla degenerazione delle cartilagini e conseguentemente a un più elevato rischio per lo sviluppo dell’osteoartrite. Invece, esercizi più leggeri, come il nuoto che non comporta carico sulle articolazioni, o il ciclismo, o altre attività sportive leggere che evitano l’eccessiva flessione del ginocchio possono proteggere dall’insorgere della malattia.

I ricercatori hanno compiuto lo studio esaminando un gruppo di 132 persone a rischio di osteoartrite (ma senza sintomi già manifestati) e un gruppo di controllo di 33 persone non a rischio, intervistandole sulle attività fisiche svolte abitualmente e sottoponendoli a risonanze magnetiche alle ginocchia. Il risultato è stato che – indipendentemente dal fatto che i soggetti fossero o non fossero a rischio di osteoartrite  chi svolgeva esercizi più leggeri aveva cartilagini più in salute.